Home » News, Rock Master 2010

Qualificazioni Lead: spettacolo e battaglia

17 luglio 2010 Redazione Arco2011.it

L057

E’ pomeriggio quando entrano in campo i 44 atleti e le 36 atlete del Lead. E finalmente un po’ di brezza si alza dal Lago. La parete è davvero piena: 4 le vie di questo primo turno, 2 per gli uomini e 2 per le donne, tutte sempre occupate per 3 ore di arrampicata con la corda che è subito spettacolo. Se questo è l’anticipo del mondiale 2011 e se questo è solo l’anticipo del pre-mondiale ci sarà di sicuro da divertirsi.

Qualificazioni Lead maschile
Le vie sono belle e dure, nonostante questa sia solo la qualificazione. Così in gara maschile solo in 4 passano il turno con pieni voti e guidano la classifica con 2 top. Sono il solito scatenato RamónJulian Puigblanque (ESP) e l’incredibile svizzero Cédric Lachat che centra nel giro di poche ore il passaggio in semifinale nel boulder e poi questo nel Lead. Con loro a pieno risultato passano anche due atleti austriaci: un David Lama davvero impressionante e il 20enne (sempre più positivo) Jakob Schubert.
A seguirli in semifinale con 1 top sono dei pezzi da novanta come Valeriy Kryukov (UKR), Patxi Usobiaga Lakunza (ESP), Sachi Amma (JPN), Sean McColl (CAN), Jorg Verhoeven (NED) e anche Adam Ondra (CZE), il fenomeno che ha passeggianto la prima via per poi perdersi un po’ sulla seconda. Sempre con 1 top c’è un Alexander Kalina (RUS).
Completano la lista il russo Mikhail Chernikov che non centra nessun top ma va altissimo su entrambi i percorsi ed è 6° in classifica provvisoria. E poi nell’ordine Magnus Midtboe (NOR), Romain Desgranges (FRA), Min Hyunbin (KOR), e l’italiano Stefano Ghisolfi che passa al 16° posto insieme all’altro azzurro Nicola De Mattia (23°).
Passano il turno anche Klemen Becan (SLO), Mario Lechner (AUT), Jihwan Park (KOR), e i giapponesi Shinta Ozawa e Akito Matsushima. E passa anche con il 22° posto l’atesissimo Chris Sharma che evidentemente anche se lontano da molto tempo della gare non ha perso la sua grinta. A chiudere le fila dei 26 semifinalisti Kazuma Watanabe (JPN), Max Rudigier (AUT) e Anton Mardashov (UKR).

Qualificazioni Lead femminile
In gara femminile a fare l’en plaine con 2 vie concluse su 2 sono la coreana Jain Kim (attuale 2a in Coppa del mondo) ma anche e un po’ inaspettatamente la 23enne russa Evgenia Malamid e l’austriaca Katharina Posch, quest’ultima appena 16enne. Le segue con un top la campionessa slovena Maja Vidmar. Mentre tutte le altre si conquistano il passaggio al 2° turno senza raggiungere nessun top.
A cominciare da Caroline Ciavaldini (FRA) che è 5a in queste qualificazioni. Seguita nell’ordine da top climber come Angela Eiter (AUT), Mina Markovic (SLO), Yuka Kobayashi (JPN), Yana Chereshneva (RUS) ma anche, al 10° posto, dalla campionessa di mille battaglie la belga Muriel Sarkany. E ancora Christine Schranz (AUT), Alexandra Eyer (SUI), Alena Ostapenko (UKR), e le francesi Alizée Dufraisse, Charlotte Durif e Hélène Janicot.
Poi tutte le altre. Con in evidenza anche il passaggio delle italiane Sara Avoscan, Jenny Lavarda e della 18enne Alexandra Ladurner , rispettivamente con il 19° e il 23° posto. Completano la lista delle 26 semifinaliste Chloé Graftiaux (BEL), Dinara Fakhritdinova (RUS), Matilda Söderlund (SWE), Momoka Oda (JPN), Sasha DiGiulian (USA) Barbara Bacher (AUT) e Kinga Ociepka (POL).

Domani alle 12,30 è già tempo di rientrare in campo per le semifinali. Poi dalle 21,15 sarà gia tempo delle grandi finali Lead… La battaglia si annuncia incerta ed appassionante!

- Vai alle classifiche
- Portfolio Lead