La storia della cremazione a Roma

Sempre più romani vogliono essere cremati: potenziati impianti

Le rilevazioni statistiche, che possono essere reperite dal sito ufficiale della SEFIT (Federazione dei Servizi Funerari Italiani), danno dei dati chiari e precisi: negli ultimi anni le richieste di cremazione, in Italia, sono cresciute notevolmente. I fattori possono essere tanti come, ad esempio, la convenienza economica. Ma decisamente, una percentuale molto alta di aumento, è dovuta principalmente alla pandemia che stiamo attraversando negli ultimi anni.
Un altro fattore di aumento che ha spinto sempre più italiani a ricorrere alla cremazione, divenuta ormai una pratica moderna (e non più appartenuta solo al passato) è stata le legittimazione della stessa da parte della santa Chiesa cattolica. Prima di questo avvenimento, molti cristiani rifiutavano la cremazione perché veniva considerata una pratica non consona e che in un certo senso rappresentasse un tormento e un peccato per l’anima del defunto.
A Roma, soprattutto, città vicinissima al Papa e alla Santa Sede, si sta verificando un aumento spropositato di richieste di cremazione e per venirne a capo sono state disposte delle nuove bonifiche volte soprattutto al potenziamento degli impianti crematori presenti sul territorio, come è successo già in Lombardia nel 2020.
In provincia di Roma possiamo trovare due forni crematori attualmente attivi e funzionanti, tra cui uno al centro città e uno più in periferia che si trova a Civitavecchia.
Se sei interessato a questa pratica, cercheremo di spiegarti nel modo più semplice come funziona il servizio di cremazione Roma e come ti devi comportare nel caso ne avessi bisogno.

Cos’è la cremazione e come funziona il servizio

La cremazione avviene attraverso una combustione guidata del corpo del defunto. Ma il solo fuoco non basta per ridurre in cenere un corpo ed è per questo che dopo la combustione vengono messe in atto delle pratiche studiate appositamente per concludere al meglio il lavoro.
Quando ci si ritrova, purtroppo, a chiedere questo servizio bisogna seguire degli step, in modo da rendere il tutto più veloce possibile. Si sa, in queste occasioni non si è mai troppo lucidi per affrontare con praticità e scioglievolezza tutte le situazioni che si andranno a creare, ma se ci si affida a degli esperti non ci si dovrà preoccupare di nulla.
L’agenzia funebre a cui farai riferimento dovrà prendersi, per prima cosa, cura delle salma. Questo step di preparazione consiste nel preparare il defunto, mettere a disposizione la bara, servizi aggiuntivi (es. fiori), il carro funebre e compilare tutti i documenti che sanciscono la morte dello stesso, accertandosi che il Comune di appartenenza abbia dato il consenso alla cremazione. Dopodiché organizzeranno anche il viaggio per arrivare ai forni crematori e avranno la responsabilità di procurare anche l’urna per contenere le ceneri.

Come conservare le ceneri dopo la cremazione e costi del servizio

Ogni persona, quando è ancora in vita, ha la possibilità di decidere a chi affidare le proprie ceneri, attraverso un atto notarile o un’autodichiarazione firmata, una volta completata la cremazione.
Finita quest’ultima, sull’urna saranno registrati tutti i dati sensibili del defunto (nome, cognome, data di nascita, data di morte) e per essere poi donata a chi ne ha diritto, ma sempre dopo aver ricevuto il permesso dall’Ufficio dello stato civile.
Solitamente l’urna viene conservata dal coniuge o dai figli, ma se mai dovessero mancare, andrà al parente più prossimo. Se anche quest’ultimo rifiuterà, l’urna andrà tumulata al cimitero.
Se si decide di conservare un’urna in casa, invece, ci sono delle regole da rispettare, come ad esempio tenerla lontana da fonti di calore o umidità. Ma la regola prima tra tutte da rispettare è che non mai consentita la dispersione della ceneri.
Parlando di prezzi, invece, possiamo dire che un servizio completo di cremazione in provincia di Roma o a Roma Centro ha un costo medio di 700 euro, tralasciando poi tutti gli altri servizi che l’agenzia funebre mette a disposizione e tutti gli oneri di natura amministrativa che si andranno a pagare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *