Formula1: ancora una volta cancellato il GP in Giappone

La Honda perde nuovamente la possibilità di esibirsi in casa

Proprio nell’anno in cui si gioca il campionato, la casa di Tokyo perde la gara di casa per la seconda volta consecutiva. Nel frattempo, la delusione della Honda che spera comunque di vincere il titolo, e la lotta della Redbull, già alla terza Power unit, per il mondiale. Il numero di date di gara è un fattore determinante.

Se cerchi scommesse sportive online puoi accedere a 1xbet  scommesse sportive leggendo la guida per accedere su 1xbet dall’Italia

Annullata la tappa di Suzuka causa Covid: la delusione della Honda

La situazione del Covid in Giappone non ha lasciato scelta agli organizzatori, che hanno dovuto cancellare il GP per il secondo anno consecutivo. La casa di Tokyo, ha deciso di uscire dal Circus. La tappa di Suzuka era inizialmente prevista per il week end del 10 ottobre. Ma problemi logistici, varianti del virus e preoccupazioni generali della popolazione che ci sono stati per la scelta di far proseguire comunque le Olimpiadi, sono stati fattori determinanti. A rimetterci è sopratutto la Honda, che perde per la seconda volta l’occasione di esibirsi davanti al pubblico di casa. Tutto durante l’anno di piena lotta per il Mondiale tra la RedBull di Max Verstappen e la Mercedes di Lewis Hamilton. Il disappunto di Koji Watanabe, responsabile marchio e comunicazione Honda, il quale si è espresso affermando che è una disdetta non poter correre a Suzuka per il secondo anno consecutivo. Era l’ultimo anno di F1 per Honda e per i tanti fan che speravano di partecipare. Ma prima di chiudere il progetto con la Formula1, promettono di fare di tutto per raggiungere l’obbiettivo del titolo.

L’importanza del numero di gare nel calendario e la lotta tra RedBull e Mercedes

Quante gare rimangono? Liberty Media aveva già cancellato le tappe di Australia, Cina e Singapore. Inizialmente il calendario prevedeva un numero di ventitre gare. Per rimipiazzare Suzuka è stata inserita la Turchia, e ora sono rimaste ventuno gare. Ogni giorno si svolgono i colloqui con diversi organizzatori. Il tema del numero di gare è un discorso molto importante sopratutto per quanto riguarda il punto di vista sportivo. Il calendario può essere un fattore decisivo. Infatti, nello scorso Gp d’ Ungheria, la RedBull ha introdotto la terza power unit consentita dal regolamento. Non è una scelta adatta durante un numero di gare ridotto e attualmente previsto, specie in una lotta con la Mercedes. Prima della fine della quarta stagione, la Redbull sarà costretta all’uso di una quarta unità per rimediare ad una penalità sullo schieramento di partenza. Tutto perchè il nuovo motore introdotto in Ungheria nel circuito di Silverstone ha dato problemi sull unità 2 dove si è danneggiata nell’ incidente del primo giro, correndo solamente in Austria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.